• Piazza della Maddalena 53 - 00186, Roma
  • Tel. +39.06 899 28 151-2-3-4
  • info@salutesviluppo.org

In Evidenza

Aiutiamo le nostre missioni

La storia delle missioni camilliane è ormai una storia secolare. I religiosi dell’Ordine nel suo primo secolo di vita, il XVII secolo, erano impegnati soprattutto in Italia dove non mancavano situazioni drammatiche con le ripetute epidemie e pestilenze in cui i camilliani diedero spesso testimonianza di eroica carità. Una fra tutte la celebre peste a Milano del 1630, di manzoniana memoria, dove morirono “martiri della carità” oltre 25 religiosi, ma anche all’estero i camilliani venivano chiamati a portare soccorso ai feriti nelle numerose e sanguinose guerre che imperversavano in tutta l’Europa (campagna di Ungheria nel 1595, nella guerra dei Trent’anni nel 1627, in Spagna e in Portogallo). Non a torto i crociferi camilliani sono stati riconosciuti come i precursori della Croce Rossa Internazionale.

Interventi nei paesi lontani in una forma più stabile iniziarono a partire dal 1710 con le prime fondazioni dell’America Latina a Lima in Perù cui seguirono centri in Bolivia, Equador, Colombia, Cile, Messico. A partire dalla fine del settecento, in pochi decenni, prima per le leggi autonomistiche di Giuseppe II poi per le radicali soppressioni napoleoniche l’Ordine camilliano parve giungere all’estinzione. Passata la bufera napoleonica lentamente l’Ordine si riprese e ricominciarono anche le partenze per le nuove missioni. Nel 1867 i primi camilliani, guidati dal padre Stanislao Carcereri partirono per il Sudan al fianco del padre, oggi santo, Daniele Comboni. Purtroppo quella prima spedizione ebbe vita breve e bisognerà aspettare quasi un secolo per vedere nuove spedizioni missionarie in Africa e negli altri continenti. Ad oggi i missionari camilliani sono presenti in numerosi paesi di tutti e cinque i continenti (Italia, Francia, Spagna, Austria, Germania, Irlanda, Georgia, Armenia, Brasile, Argentina, Cile, Perù, Colombia, Ecuador, Messico, America del Nord, Burkina Faso, Benin, Repubblica Centroafricana, Costa d’Avorio, Kenia, Uganda, Tanzania, Haiti, India, Filippine, Taiwan, Vietnam, Tailandia, Indonesia, Pakistan).

In questa lunga storia si inserisce nel 1996 Salute e Sviluppo (SeS) con la presidenza di padre Efisio Locci. Nata per volere del Superiore Generale Frank Monks e Consulta dell’Ordine in attuazione di una decisione del Capitolo Generale si costituisce come una Organizzazione Non Governativa per supportare le attività dei religiosi camilliani che operano come suoi partner locali nei paesi in via di sviluppo. L’obiettivo è migliorare le condizioni sanitarie di quelle popolazioni e contribuire alla loro crescita ed autonomia. Da allora Salute e Sviluppo è una delle colonne portanti delle missioni camilliane.

I progetti di cooperazione di SeS intervengono principalmente nell’ambito socio-sanitario e del settore dello sviluppo umano, costruendo ospedali, scuole e acquedotti ed implementando la produzione alimentare e zootecnica. Tutti gli interventi sono finalizzati ad ottenere la propria sostenibilità e sono caratterizzati da un approccio altamente formativo della popolazione locale.

I progetti già realizzati e conclusi con il contributo di Salute e Sviluppo sono ormai oltre un centinaio dai più piccoli del valore di qualche migliaio di euro ai più grandi che superano il milione di euro. La Provvidenza di Dio, attraverso i più diversi donatori, pubblici e privati è stata davvero grande e non si finirà mai di ringraziare.

Vogliamo ricordare alcuni dei progetti attualmente in corso di realizzazione. Essi si concentrano sulle situazioni di emergenza in Africa Occidentale, Africa Centrale ed Asia.

In Repubblica Centrafricana le iniziative hanno come obiettivo il miglioramento delle condizioni socio-sanitarie dell’area di Bossemptélé, Diocesi di Bouar. Un esempio è il progetto “Rafforzamento dei servizi sanitari dell’ospedale Giovanni Paolo II, gestito dai Religiosi Camilliani di Bossemptélé, che intende migliorare l’accesso ai servizi sanitari per la popolazione vulnerabile ed aumentare la sua capacità di raggiungere i villaggi limitrofi con un servizio di clinica mobile e assistenza domiciliare. L’ospedale è stato potenziato con la fornitura di medicinali, strumentazione medica, apparecchiature biomedicali ed una maggiore erogazione di servizi. Il personale sanitario è stato invece formato in ambito ortopedico, pediatrico, farmaceutico e per il laboratorio analisi. Grazie a questo intervento, 4300 persone di cui 1250 bambini possono usufruire ora dei servizi ospedalieri e di visite mediche.

In Africa Occidentale, in Burkina Faso, per migliorare lo sviluppo socio-economico dell’area di Tenkodogo, sono stati avviati due progetti innovativi. Il progetto “L’Oro di Bagrè” per incrementare la coltivazione, produzione e commercializzazione del riso e il progetto “Latte sano” per Tenkodogò, nella provincia di Boulgou, dove la soglia di povertà registra un indice pari al 55,1% e presenta gravi limiti di accesso ai servizi sanitari di base, all’istruzione, all’acqua potabile, alla capacità di generare reddito. Con queste iniziative, sono state migliorate le tecniche di produzione e produttività del riso, facilitandone l’accesso alla popolazione dell’area e sopperendo al bisogno alimentare della zona. L’agricoltura tradizionale è stata trasformata in una agricoltura moderna, fornendo strumenti agricoli innovativi e una formazione tecnico-professionale adeguata.

Dopo aver costruito tante strutture sanitarie nei paesi in via di sviluppo e aver contribuito in modo significativo alla loro crescita, ora più che negli anni passati Salute e Sviluppo viene interpellata dai nostri missionari per aiutare a i malati più poveri che non riescono a pagare integralmente le prestazioni erogate dalle strutture sanitarie.  Mi riferisco in particolare agli ospedali nei paesi più poveri del mondo, come quelli nella Repubblica Centroafricana, nel Burkina Faso, nel Benin, nella Costa d’Avorio senza dimenticare quelli in Kenya, in Armenia, in Georgia, ecc…

A questo proposito Salute e Sviluppo intende istituire il Fondo AMOC Missioni Camilliane dedicato a questo scopo. La sigla AMOC sta per Assicurazione Malati Opere Camilliane in quanto il fondo sarà erogato come rimborso delle spese sanitarie dei malati bisognosi che si affideranno alle cure nelle strutture sanitarie camilliane e si iscriveranno all’AMOC. Chiediamo a tutti i lettori di  Salute e Sviluppo di voler contribuire ad alimentare questo fondo il cui utilizzo sarà reso pubblico sul sito web di Salute e Sviluppo. Le offerte ricevute potranno beneficiare delle detrazioni fiscali di legge.

Confidiamo che, tramite questa nuova iniziativa, la Provvidenza di Dio continuerà ad aiutarci. (P. Felice de Miranda)

AIUTACI AD AIUTARE

Salute e Sviluppo ONG

Al fianco dei Camilliani nel mondo

Piazza della Maddalena, 53 – 00186 Roma

Tel. 0689982151/52/53/54

email: info@salutesviluppo.org

IBAN  IT 62G02 00805 18100 04003 21240 (Unicredit)

oppure

IBAN IT17 X076 0103 2000 0002 6485 086 (BancoPosta)

Causale: donazione per Fondo AMOC Missioni Camilliane

IL VIAGGIO PIU’ BELLO

Abbiamo pubblicato la newsletter di aggiornamento sulle iniziative di Salute e Sviluppo.

Questo mese ripercorriamo assieme le tappe del nostro viaggio a Sud…  E le valigie, sempre vuote all’andata,  sono stracolme al ritorno!

Ti ricordiamo che puoi ricevere la newsletter direttamente via mail.

Iscriviti a questo link o mandaci una mail a info@salutesviluppo.org

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

 

Il tuo 5×1000, un piccolo gesto di grande valore!

banner-facebook-2

Il tuo 5×1000 conta. E’ un piccolo gesto, ma di grande valore per Nicole e altri milioni di bambini che non hanno nulla se non la speranza che con il tuo aiuto qualcosa possa cambiare nella loro vita.

Nel modulo della Dichiarazione dei redditi (730, CUD, Unico) trovi il riquadro per la “SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF”.

Donare è semplice, ti basterà:

  1. Firmare nel riquadro denominato: “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale ecc”.…
  2. Inserire sotto la tua firma il codice fiscale di  Salute e Sviluppo 97570320016

 

Il termine per la consegna del 730 è il 7 luglio per il modello trasmesso da Caf e commercialisti e il 23 luglio per quello inviato direttamente dai contribuenti. Il modello UNICO si può presentare dal 2 Maggio al 30 Giugno presso gli Uffici Postali e fino al 30 Settembre per via telematica. Inoltre, puoi donare il 5×1000 anche se non devi presentare la dichiarazione dei redditi. Per farlo basta recarsi presso gli uffici postali o ad un CAF.

Il tuo 5×1000 conta!

Finalmente acqua potabile per Karungu! (Kenya)

Vogliamo condividere con tutti voi la grande gioia che proviamo in questo momento. Grazie al triennale progetto “Favorire l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici di base per la popolazione della divisione di Karungu, Kenya”, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, è stato possibile realizzare un grande impianto di potabilizzazione e un acquedotto della lunghezza di circa cinque chilometri, attraverso il quale l’acqua potabile raggiunge cinque chioschi, posti strategicamente presso scuole e punti di aggregazione, adibiti alla sua ridistribuzione nell’intera area.

Oltre 20.000 abitanti dell’area di Karungu, ad oggi considerata una delle zone più povere e depresse del Kenya, dove le scarse condizioni igienico sanitarie e la mancanza di acqua pulita sono causa di un’elevata incidenza di malattie parassitarie e diarroiche, potranno finalmente bere acqua potabile!

FOTO ARTICOLO KARUNGU ridimensionata

È stato altresì ultimato anche il potenziamento dei servizi igienici presso le scuole locali, nelle quali si svolgeranno, nei mesi di marzo e di aprile, attività ed eventi di educazione igienico-sanitaria e di sensibilizzazione sulle quali vi terremo presto aggiornati. Il concetto di acqua pulita per gli abitanti della zona purtroppo non esiste ed è solo sperimentandone i benefici sulle proprie vite che, nel tempo, si creerà in loro questa consapevolezza, il frutto più importante di questo grande progetto triennale.

 

QUEST’ANNO I TUOI REGALI DI NATALE FARANNO LA DIFFERENZA! SCOPRI QUI COME RENDERLI SOLIDALI CON SALUTE E SVILUPPO

Per questo Natale scegli un regalo che doni speranza, che possa salvare delle vite, che lasci la tua impronta nel mondo. Al posto della solita collana per lei o di una nuova cravatta per lui; al posto del classico panettone o di un buon vino per i tuoi dipendenti, scegli un regalo che ti differenzi e che, soprattutto, faccia la differenza!

Scopri come aggiungere un valore speciale ai tuoi regali di Natale con Salute e Sviluppo nella nostra pagina dedicata alla nuova campagna di Natale 2016 : CLICCA QUI

Destinazione Bossemptelé: in arrivo i container “solidali”

Sono partiti, il 28 giugno, dal Porto di Genova con destinazione Bossemptelé, i due container destinati all’Ospedale Giovanni Paolo II, unico ospedale ad essere rimasto operativo durante la sanguinosa guerra civile che, fino a qualche mese fa, ha lacerato la Repubblica Centro-africana. Vogliamo ringraziare la Regione Lombardia che con la scelta di destinare al terzo settore i beni dismessi, rende un servizio umanitario importante per i paesi in via di sviluppo. Un particolare ringraziamento alla Direzione, l’Ingegneria Clinica e all’Ufficio Economato dell’Asst Rhodense –  Presidio di Garbagnate per la generosa donazione delle attrezzature medicali e per la loro preziosissima collaborazione, punto di luce e di speranza per un paese che, ora come non mai, ha bisogno dell’aiuto di tutti noi. Con queste attrezzature, in ottimo stato, possiamo sistemare al meglio il reparto di maternità e neonatologia, completando il blocco operatorio.

container2modificata

containermodificata